In Adventure, Adventure Asia

Il Sultanato dell’Oman occupa, nella Penisola Arabica, un’area compresa tra il 16° ed il 26° parallelo nord.
Il Tropico del Cancro passa poco a sud della capitale, Muscat.
Confina a NW con gli Emirati Arabi Uniti e con l’Arabia Saudita, a SW con lo Yemen.
A E si affaccia sul Mare Arabico, a N separa, con la penisola del Musandam, il Golfo dell’Oman dal Golfo Persico.
La penisola del Musandam è un’estrema propaggine che si estende verso l’Iran formando lo Stretto di Hormuz.

L’Oman è un paese musulmano che da poco ha a che fare con il turismo. D’altro canto, è un Paese abituato a convivere con diverse etnie, essendo straniera buona parte della popolazione residente.

E’ buona norma rispettare il comune senso civico locale. Le donne devono evitare gonne corte e scollature. Nelle moschee ove è consentita loro la visita, devono coprire anche le braccia ed il capo.
Per gli uomini è bene evitare i pantaloni corti, le donne non possono essere fotografate o riprese ed anche agli uomini bisogna chiedere il permesso.

Quando ci si rivolge ad un uomo è uso prima presentarsi (gli omaniti vi diranno il loro nome e la loro famiglia di provenienza, è bene che voi facciate lo stesso). Agli uomini si stringe la mano destra (la sinistra è considerata la mano dell’igiene e non si usa per toccare le persone), alle donne si fa solo un cenno con la mano e solo se si viene salutati per primi. Alle donne non si rivolge la parola in pubblico, a meno che non siate all’interno di qualche centro turistico, dove le dipendenti saranno molto più socievoli ed intraprendenti.

Nei villaggi dell’interno è facile incontrare persone che vi inviteranno a bere il caffè in casa loro: rifiutare è un segno di maleducazione che può offendere.
Il Sultanato dell’Oman è un paese per viaggiatori, non per turisti. La gran parte della popolazione non conosce il termine turismo, che qui è un fenomeno relativamente nuovo. Conosce però molto bene il termine ospitalità e saprà sempre trattarvi, appunto, da ospite, con tutta la cortesia che questo merita.
La gente dell’Oman è stata in grado di accostare perfettamente usi e costumi tramandati da secoli con uno stile di vita attuale, in un paese dai mille volti dove è ancora possibile vivere atmosfere da “Mille e una notte”…

QUANDO ANDARE

Il periodo migliore per visitare l’Oman è tra ottobre e aprile, con temperature medie diurne attorno ai 25 gradi.
In questo periodo nell’interno le temperature notturne possono scendere anche ben sotto i 10 gradi.
Durante l’estate il clima è torrido e soffocante, con temperature che superano i 40 gradi.
Nella parte meridionale del paese l’estate è interessata dal ‘khareef’, la stagione delle piogge che va da metà giugno a metà settembre.

Scrivi qualcosa e premere Invio per cercare.